Le storie che raccontiamo attraverso il teatro

cover

 

L’arte permette di abbattere le frontiere, di trascendere i limiti scriveva Grotowski nel suo Per un teatro povero. I limiti che il teatro ci permette di abbattere, però, non sono solo quelli interni, ma, soprattutto, quelli esterni: la scena ci permette di allargare all’infinito lo spazio e il tempo, dandoci la possibilità di raccontare infinite storie.

Perché ci occupiamo d’arte? Per abbattere le nostre frontiere, trascendere i nostri limiti, riempire il nostro vuoto- realizzare noi stessi. Non è questo il punto di arrivo, ma è piuttosto un processo mediante il quale quello che è tenebre in noi diventa luce. (GROTOWSKI, J., Towards a Poor Theatre)

 

Le storie che raccontiamo attraverso il teatro ci danno la possibilità non tanto di dare risposte, quanto di porre e di porci domande.

E il luogo di tali domande è la relazione scenica, il dialogo tra i corpi degli attori e quelli del pubblico, lo sguardo che incontra un altro sguardo, qui ed ora; un incontro che ha in sé la densità e l’unicità proprie della più peculiare qualità del gioco teatrale: l’irripetibilità.

Comments are closed.